Concerto “Una città che ti assomiglia”

Casale Monferrato, 16-17 novembre 2007 –  Teatro municipale

Costruire il Tempio è un bisogno. Lo è stato, nei secoli, per tutte le civiltà e lo è ancora oggi. Tempio come luogo dove l’uomo incontra l’assoluto; tempio come casa dove gli uomini si incontrano tra loro. E’ una traiettoria verso l’origine, un percorso di ritorno, poiché: “forse tu mi costruirai una casa perché io vi abiti? (…) Una casa farà a te il Signore” [2 Sam]. E al tempo stesso è un punto, un incrocio nevralgico centrale, legni che ardono e si consumano in un’unica fiamma, comunità di uomini dei quali il tempio di pietre e mattoni è il simbolo visibile. Stasi e movimento, il cui motore è il desiderio di riconciliazione: Dio con l’uomo, l’uomo con Dio, gli uomini fra loro (e per conseguenza i singoli fra loro, il singolo con il gruppo, i gruppi, i popoli, le culture fra loro, ecc.. e a seguire l’uomo con la natura, ecc…). Il tempio nella città è il pre-testo, arco teso tra la terra di tutti e il cielo di tutti, ombrello che raccoglie e protegge tutti. Il tempio è nella città il segno di una presenza che la trascende: “Non vidi alcun tempio in essa perché l’Onnipotente e l’Agnello sono il suo tempio” [Ap]. Il tempio e la città si identificano; la città e il tempio si assomigliano.

Produzione:
Centro Europeo Risorse Umane

Produzione Esecutiva:
Roberto Tietto

Direzione Artistica:
Mite Balduzzi

Regia:
Giovanni Scifoni

Scenografia:
Aldo Moretti

Coreografie:
Pierluigi Grison

Musicisti:
Pianoforte e tastiere – Emanuele Chirco
Batteria – Enzo Augello
Basso – Giacomo Buffa
Chitarra – Cristiano Gallian
Fiati – Aldo Bertolino

Attori:
Giovanni Scifoni
Eleonora Mazzoni
Fabrizio Bucci

Cantanti:
Rosalia Misseri
Chiara Grillo
Jacopo Bettinotti
Massimo Bandinelli
Alessandra D’Onofrio
Emanuele Fossi

Post Tags
Share Post