Rerum alla Scuola Internazionale del Movimento GEN2

Loppiano, 27 gennaio 2016.

aec-gen2

Su invito della Scuola Internazionale del Movimento GEN2 che ha sede a Loppiano (Firenze) e che accoglie annualmente decine di giovani provenienti da vari Paesi dei cinque Continenti per vivere un’autentica e forte esperienza di condivisione e scambio tra diverse culture alla luce del Vangelo, la prima parte della mattinata di mercoledì 27 gennaio ha visto ospite, presso la loro struttura, alcuni di Rerum o, per meglio dire, un Progetto artistico/educativo che l’Associazione sta “producendo” in collaborazione con altri Organismi ed Istituzioni tra i quali la Fondazione Ente dello Spettacolo,Caritas Italiana, Fondazione Migrantes, Comitato Alberto & Carlo, l’Arcidiocesi di Genova e il M.I.U.R. Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Italiano.

Dopo un breve saluto e ringraziamento per l’invito è toccato al direttore artistico di Rerum – Mite Balduzzi – narrare a cosae a chi si ispira l’Opera.

E’ la storia vera di due amici (Alberto Michelotti e Carlo Grisolia) e di un gruppo di ragazzi degli anni 70, dei loro grandi ideali: la voglia di un mondo nuovo, giusto, solidale, vero. La storia di un gruppo che “vive” la stessa città, Genova, che ha a cuore lo stesso luogo, i suoi abitanti, specialmente i più deboli, i loro problemi, la loro sorte.

E’ poi seguita la proiezione di un breve video prodotto alcuni mesi fa in occasione di uno show-case svoltosi a Roma. Al termine la sincera, diretta testimonianza dal vivo di Antonio Topi, uno di quel “gruppo” di ragazzi a cui la storia si ispira.

Share Post