Adam Smulevich

Giornalista professionista, classe 1985, lavora all’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. «Sono vivo perché Bartali mi ha nascosto in cantina» gli ha raccontato nel 2010 l’ebreo fiumano Giorgio Goldenberg. Una testimonianza inedita, che ha aperto la strada alla sua iscrizione nel registro dei «Giusti tra le Nazioni». È autore del saggio “Presidenti – Le storie scomode dei fondatori delle squadre di calcio di Casale, Napoli e Roma”, pubblicato nel 2017 dalla casa editrice Giuntina.

Nell’ottobre 2018, su invito di Rete Europea Risorse Umane e Caritas Italiana, partecipa alle registrazioni dell’audiolibro dedicato a Gino Bartali.

Share Post